Musica e danza
Gli schiavi africani hanno introdotto il ritmo e le danze tribali a Cuba, dove sono state unite a chitarre e melodie spagnole e poi esportate e rielaborate in tutte le Americhe (gli USA negli anni '20 del XX secolo ballavano al ritmo della rumba che, fuso con le sezioni di fiati e di percussioni del jazz, diedero origine alle sonorità big band). La conga originaria era una danza degli schiavi, i quali potevano fare solo brevi passi per i ferri ai piedi, mentre gran parte della danza cubana contemporanea ha importanti legami con la religione afrocubana della santería. La musica più diffusa a Cuba è oggi il son, che unisce chitarre, tres (un piccolo strumento a corda), contrabbasso, bonghi, claves, maracas e voce. Mambo, bolero, salsa e chachacha sono tutti derivati da questa forma musicale. I principali musicisti cubani sono stati Pérez Prado e Benny Moré, ma la musica cubana è in continua evoluzione.
Personaggi
La figura letteraria più importante del paese è José Martí, divenuto eroe nazionale per la sua vita, le sue idee e la sua morte da martire, ma altri grandi scrittori cubani sono Cirilo Villaverde y de la Paz (1812-94), Alejo Carpentier (1904-80), Nicolás Guillén (1902-89) e Guillermo Cabrera Infante (1929-). Tra i registi locali spiccano Tomás Gutiérrez Alea (1928-96), autore dell'acclamato Fresa y Chocolate (Fragola e cioccolato), e Humberto Solás, i cui film hanno ottenuto apprezzamenti a livello internazionale. I pittori Wilfredo Lam (1902-82) e Marianao Rodríguez (1912-90) sono tra i più importanti del paese, mentre Manuel Mendive (1944-) è considerato il migliore pittore vivente.
Arte
Dopo la rivoluzione le arti sono state attivamente sostenute dal governo: sono nati teatri, musei e scuole d'arte, ai musicisti è stato garantito uno stipendio ed è stata istituita un'industria cinematografica. Il governo ha cercato di compensare l'influenza della cultura di massa statunitense concedendo fondi ai gruppi culturali e teatrali afrocubani.
Religione
Storicamente, il cattolicesimo è stato sempre la religione dominante a Cuba e resta tale, con circa il 40% dei cubani che si definisce tale, almeno di nome. Circa il 4% della popolazione è protestante e il 2% spiritista afrocubana - devoti della santería, il cui numero è cresciuto da quando il governo ha posto fine all'ateismo di stato nel 1992. Fedeli alla cultura mestizo del paese, i cubani hanno trapiantato il cattolicesimo nelle religioni africane introdotte dagli schiavi, così che molte divinità afrocubane hanno un rapporto d'identità con i principali santi cattolici. Quando Giovanni Paolo II ha incoronato Nuestra Señora de la Caridad del Cobre, patrona di Cuba, i devoti della santería si sono inorgogliti, dato che identificano la Vergine del Cobre con la loro Ochun, dea dell'amore e dell'abbondanza.

L'Avana
L'Avana (La Habana) è la città più grande dei Caraibi ed è il centro politico, economico e culturale di Cuba. Possiede un nucleo antico che rappresenta forse il più bel complesso di architettura coloniale spagnola che si conservi nelle Americhe. In città si respira un'atmosfera di gloria passata, dato che nelle strade predominano ancora le grandi automobili statunitense degli anni '50 e '60 e l'intonaco dei cadenti edifici (molti dei quali finalmente in restauro) si stacca dovunque.
L'Avana ha una vivace vita notturna, con cinema, teatri storici, cabaret, nightclub, e locali dove si suona dal vivo che possono soddisfare le esigenze di tutti i turisti. Non ci sono il traffico e la commercializzazione che soffocano le altre città dell'America Latina, e dalla scabra bellezza della vecchia Avana alle zone residenziali, l'esuberante simpatia degli abitanti della capitale è la cosa che più colpisce della città.
Santiago de Cuba
Santiago de Cuba è la rivale dell'Avana per quel che concerne la letteratura, la musica e la politica, ed è considerata la 'culla' della rivoluzione in quanto ha avuto un ruolo centrale nel rovesciare il regime di Batista. È la seconda città per estensione. Nella città si trovano i palazzi e i musei più antichi dell'isola. La città si affaccia sulla Bahía de Santiago de Cuba e molte case hanno balconi in ferro battuto, finestre a sesto acuto e strette scale esterne. .
Trinidad
Trinidad fu fondata nel 1514, ma ciò nonostante è rimasta un porto secondario utilizzato dai contrabbandieri fino alla fine del XVIII secolo. I trafficanti portavano schiavi e oro dalla Giamaica controllata dagli inglesi, ma la situazione cambiò agli inizi del XIX secolo quando una rivolta degli schiavi ad Haiti indusse i latifondisti francesi a rifugiarsi a Trinidad, dove ristabilirono i loro piccoli imperi. L'eredità di questo breve periodo di ricchezza è testimoniato dalle torri delle chiese barocche della città, dai pavimenti in marmo di Carrara, dalle griglie in ferro battuto e dalle grandi residenze. A breve distanza dalla città si trovano alcune delle più belle spiagge di Cuba.
Baracoa
Baracoa si trova su un promontorio tra due pittoresche baie nei pressi del punto più orientale di Cuba, Cabo Maisí. Fondata nel 1512 da Diego Velázquez, è il più antico stanziamento europeo dell'isola. La città era accessibile solo via mare fino agli anni '60 del XX secolo, quando fu finalmente costruita una strada per collegarla al resto dell'isola. L'atmosfera è abbastanza tranquilla e l'abbondanza di palme lungo la costa le conferisce un aspetto da città del Pacifico meridionale.
Provincia di Pinar del Río
Escursionisti, speleologi e naturalisti apprezzeranno questa regione all'estremità occidentale dell'isola. La Cordillera de Guaniguanico, lunga 175 km, corre per tutta la lunghezza della provincia e la regione vanta un'enorme quantità di grotte calcaree, alcune lunghe anche 26 km, e fiumi che sprofondano sottoterra. Viñales ha delle guglie in calcare erose dal vento fino a formare bizzarre forme surreali.
Forse questa zona è la più bella di Cuba, e ci sono magnifiche opportunità per gli amanti delle immersioni subacquee al largo della costa, con eccellenti punti di ancoraggio per gli yacht, acque limpide, spettacolari coralli e grandi distese deserte di sabbia bianca.

Feste e manifestazioni
Le feste per il Carnevale, che si tenevano a L'Avana, Santiago de Cuba e Varadero, sono state sospese dopo il 1990 per le difficoltà economiche, ma si sta cercando di riportarle in vita nella capitale con spettacoli all'aperto ogni venerdì, sabato e domenica sera per tutto il mese di febbraio. Le Jornadas de la Cultura Camagneyana si svolgono nelle prime due settimane di febbraio, e l'Havana International Jazz Festival si svolge ogni due anni sempre a febbraio. Ad aprile si svolgono la Semana de la Cultura a Baracoa e il Festival di musica elettroacoustica a Varadeao. Durante la prima settimana di maggio si festeggia la Romería de Mayo a Holguin, mentre alla fine di giugno Trinidad ospita le Fiestas Sanjuaneras. Da segnalare ancora il Festival della cultura caraibica (giugno o luglio), il Festival di musica contemporanea dell'Avana (10 giorni a ottobre), la Semana de la Cultura Trinitaria a Trinidad (fine novembre), il Festival internazionale dei film latinoamericani a L'Avana (dicembre).

L'AVANA E CUBA NOTIZIE

HOME

MARIVELAS B&B HABANA --- - +53 7 640 06 88 ---- +53 5 813 97 75 ---- casas@marivelas.com

IMMAGINI E MAPPE
INFO VIAGGIO
MARIVELAS 29
FAMILY GARDEN ZAYAS
VINALES
TRINIDAD
MARIVELAS 25
CASANOVA

MARIVELAS
B&B
HABANA

NOTIZIE

CUBA E LA HABANA
TUTTI I CONTATTI
PLAYA GIRON
BARACOA
CIENFUEGOS
VARADERO

e nel resto dell'isola

appart. indip. per 2-3 pers. con giardino
appart. con 3 camere indip.
appart. indip. per 2-4 pers
appart. indip. per 2-5 pers
PREZZI TAXI
AUTOBUS VIAZUL
LINK
CONTATTI
CASA SUAREZ
appart. indip. per 4-5 pers

Habana Vieja

Vedado

Vibora

Cucina
La cucina cubana unisce spunti spagnoli e africani utilizzando ingredienti locali. Piatti come Moros y Cristianos (Mori e Cristiani; riso con fagioli neri), arroz con pollo (riso e pollo) e picadillo (carne tritata e riso) sono molto diffusi, così come le minestre a base di Musa paradisiaca, lathyrus sativus o fagioli. Il fufú (banane verdi bollite ridotte in purè e condite con il sale) in genere accompagna la carne. Bisogna tener presente che la scarsità di alimenti a Cuba fa sì che quando si va a mangiare fuori si debbano fare lunghe code nei ristoranti statali o nelle sale da pranzo degli alberghi. Una gustosa leccornia da non perdere nei chioschi all'aperto è la fritura de maíz (frittelle di granturco). La birra cubana (cerveza) è eccellente e i cocktail sono leggendari.